ANDORA RICOSTRUITA - Andora nel tempo

Andora nel tempo
Andora nel tempo
Vai ai contenuti

ANDORA RICOSTRUITA

ANDORA RICOSTRUITA

(Mario Vassallo)


y




Partiamo dal periodo del secondo dopoguerra.

Non esisteva ancora un vero e proprio nucleo cittadino.

Gli insediamenti abitati sono riconducibili a piccoli gruppi di case (principalmente Marina e Pigna), in parte di antiche origini, mentre nell’interno della vallata i borghi sono pressochè il posizione a mezza costa sui declivi collinari (Rollo, Conna) o su poggi (Castello) e crinali (Colla Micheri), mentre il centro cittadino è nell’interno a Molino Nuovo.


Molino Nuovo


La "Marina"

Il passare delle ore è scandito dalle campane delle Chiese Parrocchiali (una per antico Quartiere), le strade sono ancora sterrate (più per poco, perché le asfaltature incombono).


Chiesa Parrocchiale di San Giovanni Battista

Il torrente Merula non è ancora arginato e, verso la foce, permane una zona paludosa: “a sòtta”, quanto rimaneva di una cava di argilla ed il ricordo dell’antica piana, prima della lunga e faticosa opera di risanamento di una valle malsana.


Foce del Torrente Merula

In prossimità del litorale, si organizzano i primi improvvisati stabilimenti balneari su una spiaggia ciottolosa, esistono ancora (più per poco tempo) i cantieri navali, ci sono le Colonie marine in piena attività e prendono forma gradualmente i primi campeggi: i precursori dell’attuale turismo stagionale.


La vecchia via Aurelia


Un cantiere navale

Tra i campi passano dei canali di scolo, che in alcuni casi possono essere paragonati a veri e propri ruscelli (la “Dia” - sul percorso dell’attuale via Marco Polo e il “Beùn” - sul percorso dell’attuale via San Lazzaro, con deviazione in confluenza sulla vecchia Dia).

Il paesaggio rurale litoraneo abitato di Levante è scenograficamente interessato dalla presenza di un antico acquedotto arcato in pietra, che ricorda vagamente le costruzioni romane, anche se di epoca assolutamente recente, ed edificato per volere ed uso di un marchesato locale.



Le strade sono sterrate (più per poco) e percorse da biciclette e da carri trainati da animali: presto compaiono sempre più diffuse le macchine, i veicoli a motore in genere e le storiche “Vespa”.





I fabbricati sono pochi e sparsi, quasi sperduti in mezzo ai campi; ogni tanto si incontrano piccoli agglomerati urbani formanti sorte di “rioni” o “quartieri”.



Le case, soprattutto quelle isolate, sono per la maggior parte a uno o due piani fuori terra, comunemente senza piani o locali interrati, con forma planimetrica di solito o rettangolare o a “L” (quest’ultima spesso dovuta ad una derivazione per ampliamento successivo della struttura edificata originaria), posizionate di solito in corrispondenza di un percorso stradale e comunque di accesso; se su due piani, abitualmente la scala è esterna ed al piano superiore è presente almeno un “poggiolo”; col passare degli anni vengono spesso create delle aggiunte, magari anche poco armoniche con il resto della costruzione precedente, ma funzionali con le accresciute necessità (spesso si tratta dell’allargamento della famiglia per una nuova nascita o comunque la presenza di un nuovo componente del nucleo abitante).
I materiali sono poveri e tipicamente locali: laterizio, intonaco con sabbia o di torrente o anche di mare, pietrame e terriccio, legno, ardesia, ferro battuto.
Sui versanti collinari le edificazioni sono principalmente a nucleo, formando agglomerati con corpi addossati gli uni agli altri,
Molto spesso le origini sono molto antiche e conseguentemente le forme sono più irregolari e dimensionalmente più ridotte.



La porzione di territorio collinare è coperta da vegetazione suddivisa tra boschi e uliveti, piuttosto fitta, interrotta solo da nuclei edificati sparsi, rappresentati dalle frazioni ancora oggi esistenti, sostanzialmente corrispondenti, sebbene in parte ampliate.

La viabilità è molto semplice, ridotta a poche strade principali, con una rete di strade vicinali e percorsi secondari (“stradellìn”) che attraversano campi coltivati, spesso in corrispondenza dei confini tra le varie proprietà.
Sono ancora presenti tratti di mulattiere di storica origine medievale e prima ancora romana, che collegavano la piana con i vicini centri abitati e costituivano viabilità verso gli altri territori limitrofi, in testimonianza di passati percorsi storico – commerciali.

Nell’uso comune i nomi dei luoghi sono ricavati e derivanti dalle persone che vi hanno avuto legame o da elementi presenti sul posto, di solito discordanti dai nominativi ufficiali attribuiti dalla cartografia/toponomastica.
Tra questi i lotti di terreno delle varie proprietà assumono la denominazione di “tæra de …”, “ciàn de …” o “quaddro de …”, seguite dal nominativo della persona di riferimento (spesso un nomignolo o un vezzeggiativo).

Le attività commerciali, vere e proprie piccole botteghe attrezzate per lo stretto necessario, trovano posto nei nuclei abitati più grandi, luogo di maggiore affluenza “di massa” e di frequentazione.

Stesso discorso per gli alberghi che si trovano nella zona a ridosso della Strada Nazionale Aurelia o costeggianti la ferrovia, in posizione spostata verso il Ponente della piana.

L'Albergo della Posta, davanti alla vecchia Stazione ferroviaria


Albergo della Stazione


Albergo della Posta, nei pressi dell'odierna Piazza Santa Caterina

Il telefono non ha ancora raggiunto le case e per utilizzarlo bisogna andare in alcuni esercizi commerciali che forniscono tale tipo di servizio.

Alla sera si va a vedere al televisione da “Noru”, la trattoria “Cacciatori”, luogo storico di riferimento e di ritrovo.


"u Noru" - Trattoria Cacciatori

In questa realtà, tipicamente semplice e contadina, la vita scorreva lenta e tranquilla, lontana da fasti e miraggi di facili investimenti ed arricchimenti repentini, ed ancora inconsapevole dall’ondata del turismo di massa e dell’espansione edilizia e commerciale.

L’ambiente, i luoghi, l’ubicazione delle proprietà e la sistemazione urbanistica rimangono pressoché invariate per lungo periodo: in questo decennio cominciano le costruzioni residenziali (e turistiche) nella zona bassa collinare della Pineta e Orizzonte (a Levante) e della Pigna e Rollo (a Ponente): successivamente, anche in conseguenza alla trasformazione costiera attuata con la realizzazione del porto, sarà “inventata” la zona di Pinamare.

Villaggio Orizzonte


Villaggio Pineta


Pigna

Principalmente sulla collina di Levante, alcune costruzioni “con vista mare”, le prime forme di seconde case per villeggiatura, creano una sorta di rete di affittacamere, piccole pensioncine a conduzione famigliare.
Si tratta di piccoli edifici ad uno o due piani abitativi, spesso su pilastrate a formare sorte di palafitte (considerato il profilo molto inclinato dei terreni su cui vanno ad insistere, sotto al piano abitativo si crea un piano di “livellamento” sul lotto di edificazione, che pone le basi per le future trasformazioni abusive) ed in zona decisamente panoramica, sebbene non  esista ancora l’esasperazione della “vista mare”: quest’ultimo è facilmente visibile anche dalle campagne della piana a quasi un chilometro di distanza.
Molte di queste costruzioni collinari, edifici precursori delle “seconde case” sono spesso adibite a “pensioni” famigliari.

Dal punto di vista umano e sociale le persone si conoscono quasi tutte, direttamente o per aneddoti che oggi chiameremmo pettegolezzi, i quali ne timbrano indelebilmente e caratteristicamente il reale nome e cognome, formando una sorta di indissolubile “nomignolo” che ne segue l’intera esistenza e si estende alla relativa parentela: oggi un modo simpatico ed un po’ insolito di ricordare chi ha calcato il palcoscenico andorese nel passato.
In questo quadro generale, chi abitava in Andora a quell’epoca non era sottoposto (e neanche preparato) ad assistere a mutazioni veloci del territorio e dell’ambiente: tutto avveniva in modo graduale, permettendo quasi un armonico inserimento in quanto già preesisteva, con la possibilità di abituarsi alle novità.
Si aveva così la possibilità di fissare in modo stabile nel ricordo tutta una serie di vicende e di particolari che oggi sembrano quasi avere dell’incredibile, in quanto molte cose cambiano nell’indifferenza o nell’impossibilità di osservare il cambiamento mentre questo avviene, perdendone la percezione e la datazione nei ricordi.

y


ANNI '50 - NOMI DEI LUOGHI
© Mario Vassallo - 2015
y
ANNI '50 - NOMI DEGLI ANDORESI
© Mario Vassallo - 2015
y

RICOSTRUZIONI FOTOGRAFICHE

y



RICOSTRUZIONE FOTOGRAFICA 1
(cliccare sull'immagine per aprire la scheda)


© Mario Vassallo - 2015
y


RICOSTRUZIONE FOTOGRAFICA 2
(cliccare sull'immagine per aprire la scheda)


© Mario Vassallo - 2015
y


RICOSTRUZIONE FOTOGRAFICA 3
(cliccare sull'immagine per aprire la scheda)


© Mario Vassallo - 2015
y


RICOSTRUZIONE FOTOGRAFICA 4
(cliccare sull'immagine per aprire la scheda)


© Mario Vassallo - 2015
y


RICOSTRUZIONE FOTOGRAFICA 5
(cliccare sull'immagine per aprire la scheda)


© Mario Vassallo - 2015
y


RICOSTRUZIONE FOTOGRAFICA 6
(cliccare sull'immagine per aprire la scheda)


© Mario Vassallo - 2015
y
y
© Mario Vassallo - 2015
y
© Mario Vassallo - 2015
y
© Mario Vassallo - 2015
y
© Mario Vassallo - 2015
y
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Creato con Incomedia Website X5
Torna ai contenuti