PAESAGGIO RURALE DEL MERULA DAL 1800 AD OGGI - Andora nel tempo

Andora nel tempo
Andora nel tempo
Vai ai contenuti

PAESAGGIO RURALE DEL MERULA DAL 1800 AD OGGI

y

IL PAESAGGIO RURALE DELLA VALLE DEL MERULA NELLA SUA EVOLUZIONE
DAL 1800 AI GIORNI NOSTRI
(Carlo Volpara)
y



Estratot foto aerea - GoogleEarth

y


INTRODUZIONE
 
Quello che vorrei proporre è semplicemente un piccolo viaggio a ritroso nel tempo per ripercorrere molto velocemente le trasformazioni paesaggistiche, agricole ed urbanistiche che hanno caratterizzato la Val Merula nel tempo e soprattutto negli ultimi duecento anni.
 
 y

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO GENERALE
 
La valle del Merula è una valle relativamente breve, come d’altronde la maggior parte delle valli liguri. E’ lunga appena una quindicina di chilometri e si sviluppa da ovest verso est nella sua metà più montana, virando poi da nord a sud quando si allarga nel suo tratto più marittimo.
 
Tre sono i comuni interessati dal suo bacino imbrifero: partendo dall’alto e scendendo verso il mare sono in sequenza Testico, Stellanello ed Andora.
 
Al centro della valle fluisce il fiume Merula, fiume a regime torrentizio, che scorrendo su terreni calcarei, scisti e conglomerati prende origine nel territorio di Testico, traendo le prime acque dal Monte Arosio e subito dopo dai ripidi pendii del Monte Torre o Pizzo d’Evigno, nella parte orografica destra nel territorio di Stellanello.
 
Già Plinio il Vecchio parla di un fiume “Merula” che si trovava in questa zona. Per lungo tempo si credette fosse il corso d’acqua che passava vicino Albenga, anche perché il Merula veniva chiamato “Meira”, ma poi ogni cosa fu riconosciuta per quello che era ed è tuttora: il Merula pliniano era ed è il fiume che bagna Stellanello ed Andora.
y

y
 
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Creato con Incomedia Website X5
Torna ai contenuti