COLONIA ORFANI DI GUERRA DI CUNEO - Andora nel tempo

Andora nel tempo
Andora nel tempo
Vai ai contenuti

COLONIA ORFANI DI GUERRA DI CUNEO

COLONIA DEGLI ORFANI DI GUERRA DI CUNEO

(Marino Vezzaro - Mario Vassallo)
y



Nel 1919-20, la splendida villa della Contessa M. Ernestina Mazè de la Roche, figlia del Marchese Marco Maglioni, fu comprata dal notaio Ambrogio e dall'avvocato Garelli e sapientemente trasformata nel più lussuoso albergo di Andora: il “Grand Hotel du Parc”, valorizzato da un un parco e un giardino di eccezionale bellezza.
L’albergo operò sino al 1927.



Nel 1928 tutta la proprietà fu venduta all'Istituto Orfani di Guerra di Cuneo.
La colonia di Cuneo iniziò a operare in Andora nel 1929.
Il “tempietto” è ancor oggi esistente, ma completamente abbandonato; di fianco al tempietto si trova la lapide che il marchese Marco Maglioni fece costruire sulla tomba di uno dei suoi cani: “A Lion, cane forte e fedele, compagno indimenticabile, questo tributo, affettuoso pose M. M.”.


Durante il periodo bellico della prima metà degli anni '40 del Novecento, le strutture della Colonia marina furono occupate e destinate alla permanenza dall'esercito trasformandole in caserma, unitamente alla Colonia di Asti, ospitando i militari del 41° Reggimento Brigata Modena e del 22° Fanteria Brigata Cremona, le cosiddette "cravatte rosse".


La Colonia di Cuneo era gestita dalle suore e metteva a disposizione 80 posti nel periodo precedente la Seconda Guerra Mondiale e 96 posti dal dopoguerra fino alla chiusura della struttura.

Tra il 1975 e il 1980, gli alberi secolari, queste pregiate piante di canfora dovranno lasciare il posto a tre grandi palazzi.


y
Rielaborazione grafica su gentile concessione Comune di Andora
y
COLONIA DEGLI ORFANI DI GUERRA DI CUNEO
y
GRAND HOTEL DU PARC
DOVE SI TROVA / COME ARRIVARE
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Creato con Incomedia Website X5
Torna ai contenuti