LE VIE NON REALIZZATE - Andora nel tempo

Andora nel tempo
Andora nel tempo
Vai ai contenuti

LE VIE NON REALIZZATE

LE VIE NON REALIZZATE
(Mario Vassallo)

y


Elaborazioni grafiche Mario Vassallo

Negli anni '50 e soprattutto negli anni '60 si attribuiscono ufficialmente le denominazioni alle vie della cittadina andorese in corso di formazione: nomi di santi, di luoghi geografici, di personaggi storici o in qualche modo legati alla storia locale, di riferimenti locali territoriali.
Tali denominazioni giungeranno fino ai giorni nostri, con relative modifiche, aggiornamenti dei tracciati ed integrate con altri tratti stradali di nuova formazione nel corso degli anni.
Negli anni '60, con lo sviluppo urbanistico in piena evoluzione, si usava studiare e tracciare a tavolino, sulla pianificazione urbanistica e territoriale (cartografia), la posizione dei nuovi fabbricati da edificare; ciò portava conseguentemente alla identificazione dei nuovi "isolati", perimetrati da nuovi tracciati viari.
L'Amministrazione Comunale dell'epoca provvedeva, quindi, ad attribuire i nomi alle "nuove vie", spesso prima che le stesse fossero effettivamente completate a seguito delle lottizzazioni da effettuarsi e/o in corso di realizzazione.
E’ stata riscontrata una serie di denominazioni stradali di vie istituite regolarmente ed ufficialmente attribuite negli anni, poi scomparse o, comunque, non utilizzate e in parte mai realizzate.

Tra le denominazioni mai realizzate troviamo una serie di strade istituite nel 1964:
  • Via Dante [non ha nulla a che fare con la odierna via Dante Alighieri, che è stata istituita successivamente ed autonomamente da questa denominazione] (parallela a via San Lazzaro, a metà tra via Marco Polo e via Piana del Merula, tra via Tiziano [non realizzata] e via Sant’Angela [quest’ultima in posizione diversa rispetto all’attuale);
  • Via Firenze (parallela a via Cavour lungo i giardini tra la piazza del mercato e via Carminati);
  • Viale Garibaldi (dall’ingresso a Largo Milano su via Fontana fino al mare);
  • Via Giotto (traversa tra via Cavour e via Risorgimento);
  • Via Michelangelo (traversa tra via Cavour e via Risorgimento);
  • Via Napoli (parallela al mare tra via Sardegna e via Capri);
  • Via Noceto (sostituita con la denominazione via San Lazzaro);
  • Via Padre Reginaldo Giuliani (da Palazzo Tagliaferro a via Carminati);
  • Via Raffaello (traversa tra via Cavour e via Risorgimento);
  • Via Rosmini (traversa tra via San Lazzaro e via Vespucci);
  • Via Savona (traversa tra via Cavour e via Risorgimento, in corrispondenza dei giardini del Complesso “I Saraceni” – verso monte);
  • Via Tiziano (traversa spezzata tra via San Lazzaro e via Vespucci);
  • Via Torino (traversa tra la piazza del mercato e via Carminati, al posto della gradinata nei giardini);
  • Via Venezia (traversa tra via Cavour e via Risorgimento, in corrispondenza dei giardini del Complesso “I Saraceni” – verso mare).
  • Tra le strade realizzate molto o completamente diverse:
  • Via Marconi, via delle Rimembranze, via Sant’Angela.
y
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Creato con Incomedia Website X5
Torna ai contenuti