VIA SEMAFORO - SAN DAMIANO - Andora nel tempo

Andora nel tempo
Andora nel tempo
Vai ai contenuti

VIA SEMAFORO - SAN DAMIANO

PUNTO DI PARTENZA

CAMMINATA

DA VIA SEMAFORO
ALL'ORATORIO DEI SANTI COSMA E DAMIANO
(Mario Vassallo)
y


Estratto foto aerea - GoogleEarth


Dalla zona del Porto di Andora, ci dirigiamo verso il Ristorante "Rocce di Pinamare, percorrendo la Via Aurelia.
Giunti all'incrocio con l'ingresso al Ristorante, svoltiano a sinistra in Strada delle Catene, entrando nel cuore di Pinamare e saliamo sul crinale della collina di Capo Mele, verso la Base Aeronautica (Radar di Capo Mele).
Quando si arriva in cima a Strada delle Catene, al bivio se si va a destra si entra in zona militare Aeronautica, invece percorrendo il tornante a sinistra si prosegue per 250 metri (Strada Cornice del Capo), ignorando la traversa incrocia quasi subito a sinistra.



Poco più avanti, dove la strada va in discesa a sinistra e in salita a destra, si prende la discesa e al tornante si va invece a destra (quasi in piano, su via Semaforo): questa è a fondo cieco e si può parcheggiare in fondo, prima dello sterrato.
Lo sterrato si presenta con varie diramazioni ed indicazioni con frecce in legno.
Si deve prendere la salita ripida sulla destra, ignorare la prima in piano sulla sinistra e salire fino al crinale della collina (sono circa 5/7 minuti a piedi con calma).
Giunti sul crinale si va verso la pineta di sinistra, da cui in alcuni slarghi e piccole radure si possono osservare i panorami dei golfi di Andora e di Laigueglia.

  

Proseguendo il sentiero sul crinale, si raggiunge il Mulino Tagliaferro.



Poco sotto, un cancello di legno che delimita il sacrario dedicato a Thor Heyerdahl (con targa in ceramica azzurra che lo ricorda).
Scendendo per il sentiero, si arriva a Colla Micheri (in tutto il tratto ci sono angoli da cui si può ammirare il panorama andorese e laiguegliese).

  

Colla Micheri è una borgata storica, situata a 162 metri, fra la conca di Laigueglia e la Valmerula. Sorta sul percorso della via Julia Augusta e della Via Ligure Costiera, presenta caratteristiche urbanistiche tipiche del semplice borgo ligure collinare con case contadine e un paesaggio circondato da ulivi.



Qui risiedette il leggendario navigatore, etnologo, esploratore norvegese Thor Heyerdahl che, dopo aver girato il mondo, scelse questa località come sua dimora.
“Dall’alto di una torre - ricorda Heyerdahl con commozione – vidi vecchie case ricoperte di rampicanti, le vallate fitte di boschi verdissimi e sullo sfondo le montagne coperte di neve: la Norvegia! Ma, volgendomi dal lato opposto, la marina era laggiù in tutta la sua scintillante limpidezza; olivi, pini, arbustri di ginestra mi inebriarono le narici con gli odori e i profumi dei Mari del Sud, conditi dall’aspro gusto del salmastro. Finalmente, pensai, ho trovato ciò che cercavo!”
Particolarmente degna di nota, a Colla Micheri, è la Cappella di San Sebastiano che conserva un cimelio storico particolare: la sedia di legno, a fianco dell’altare, sulla quale sedette il Pontefice Pio VII ritornando dal soggiorno obbligato francese. Per questo motivo Colla Micheri fu chiamata anche “Il Passo del Papa”. All’esterno della chiesetta, su un’epigrafe sopra il portale, si legge: “Qui venne, e il sacro piè P.Pio VII posò, il popol benedì, e alla sua sede andò. Lì XIV Febbraio 1814”.



Nella piazzetta della borgata, in fondo verso il bar c'è una volta ad arco; passato l'arco la strada biforca in due discese: quella a destra è il tracciato dell’antica strada romana Julia Augusta, mentre quella a sinistra è il tracciato dell’antica strada romana Ligure Costiera.
Si imbocca quella a sinistra (Ligure Costiera).



Per alcuni tratti all'ombra, ci immergiamo nella vegetazione del tipico bosco ligure e, proseguendo per circa 700 metri, raggiungiamo l’antico Oratorio campestre dedicato ai Santi Cosma e Damiano.



Nel muro laterale, affacciato sulla Ligure Costiera, è infissa in alto una lapide marmorea che indica la data di costruzione (1460) e il nome del benefattore.
Anni fa l’edificio fu deturpato, ora l’accesso è sbarrato da una porta di ferro battuto.



Dai suoi dintorni si potrà osservare tutta la zona percorsa ed attraversata con la passeggiata fatta, oltre a poter ammirare ampi scorci sulla Vallata di Andora.
y
PUNTO DI ARRIVO
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Sito Web ideato e realizzato da Mario Vassallo - Andora
Creato con Incomedia Website X5
Torna ai contenuti